• Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

20 Ottobre 2017 - Venerdì - 28a settimana del Tempo Ordinario

Parola del giorno :Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati"

Leggi tutto...

13 Ottobre 2017 - Venerdì - 27a settimana del Tempo Ordinario

Parola del giorno :chi non raccoglie con me, disperde"

Vangelo del giorno: Lc 11,15-26           

Anche questa è verità assicurata da Gesù
e tante volte confermata dall’esperienza e dalla storia.
Tutti sanno - e anche bene - che per raggiungere una meta
è necessario muovere i propri passi
nella giusta direzione o anche con una sicura compagnia.
Come pure è impensabile combattere i nemici
chiedendo aiuto a loro stessi.
La menzogna non produce verità
e l’intesa con il male non potrà mai portare al bene.
Chi lo accusa di patteggiare col demonio
per scacciare altri demoni, farà bene a ragionare
su quel detto popolare che assicura
che i cani tra di loro non si mordono.
Figuriamoci i demoni che con Gesù ce l’hanno a morte!
È vero invece - e Gesù qui ce lo ricorda - che il demonio
è molto astuto, più di quanto noi possiamo immaginare;
la miglior cosa è non averci mai a che fare,
ma se ciò non sarà possibile, vinceremo solamente
se resteremo sempre schierati dalla parte di Gesù.

Dal Vangelo secondo Luca:

In quel tempo, [dopo che Gesù ebbe scacciato un demonio,] alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo.
Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche Satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno  loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.
Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino.
Chi non è con me, è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde. Quando lo spirito impuro esce dall’uomo, si aggira per luoghi deserti cercando sollievo e, non trovandone, dice: “Ritornerò nella mia casa,
da cui sono uscito”. Venuto, la trova spazzata e adorna. Allora va, prende altri sette spiriti peggiori di lui,
vi entrano e vi prendono dimora. E l’ultima condizione di quell’uomo diventa peggiore della prima».

 19 visitatori online

Sosta della Madonna del monte Viglio all'Oasi


Get the Flash Player to see this player.

Login

Galleria fotografica



1917044 Visite