Categories: Parola del Giorno

5 Ottobre 2012 – Venerdì della 26a settimana del Trmpo Ordinario

Parola del giorno : “…chi disprezza voi, disprezza me.

Vangelo del giorno: Lc 10,13-16

Un cerchio di legami molto stretto
è stabilito tra i discepoli, Gesù e il Padre suo.
Al punto che in risposta alla chiusura
nei confronti del suo insegnamento
portato dai discepoli
Gesù minaccia “guai!” come se quel rifiuto
fosse stato fatto a lui direttamente;
anzi il disprezzo fatto a loro
lo considera come fosse fatto a sé,
e – data la sua unione con il Padre –
questo è come fosse fatto al Padre.
Che grande comunione da imparare
e quale immenso dono!

parola di oggi per chi non ha il testo a portata di mano:

In quel tempo, Gesù disse:
«Guai a te, Corazìn, guai a te, Betsàida! Perché, se a Tiro e a Sidòne fossero avvenuti i prodigi che avvennero in mezzo a voi, già da tempo, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. Ebbene, nel giudizio, Tiro e Sidòne saranno trattate meno duramente di voi.
E tu, Cafàrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai!
Chi ascolta voi ascolta me, chi disprezza voi disprezza me. E chi disprezza me, disprezza colui che mi ha mandato».