Categories: Parola del Giorno

14 Dicembre 2012 – Venerdì della 2a settimana di Avvento

Parola del giorno : È venuto Giovanni, che non mangia e non beve, e dicono:”E’ indemoniato.

Vangelo del giorno: Mt 11,16-19              

Profeta di frontiera, cerniera
tra il primo e il secondo Testamento,
è quasi inevitabile che a Giovanni
tocchi il facile confronto con Gesù.
In questo caso è lui stesso, Gesù, a provocarlo,
invitandoci a osservare che, comunque,
si trova sempre qualche scusa per non fare
quello che non si vuole.
E se l’attenuante sta nel trovar difetti
in chi ci offre una proposta
– fosse anche la salvezza –
per rifiutarla, con facilità si riesce
a trovare qualche pecca persino nell’operato di Gesù.
Bisogna stare attenti perché questo
non è un espediente dei soli farisei
di duemila anni fa.

parola di oggi per chi non ha il testo a portata di mano:

In quel tempo, Gesù disse alle folle:
«A chi posso paragonare questa generazione? È simile a bambini che stanno seduti in piazza e, rivolti ai compagni, gridano:
“Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato,
abbiamo cantato un lamento e non vi siete battuti il petto!”.
È venuto Giovanni, che non mangia e non beve, e dicono: “È indemoniato”. È venuto il Figlio dell’uomo, che mangia e beve, e dicono: “Ecco, è un mangione e un beone, un amico di pubblicani e di peccatori”.
Ma la sapienza è stata riconosciuta giusta per le opere che essa compie».