Categories: Parola del Giorno

4 Gennaio 2013 – Venerdì prima dell’Epifania

Parola del giorno : “Egli incontrò per primo suo fratello Simone.

Vangelo del giorno: Gv 1,35-42             

Chi ha fatto l’esperienza di Gesù
ed ha trascorso del tempo insieme a lui,
non riesce a tenersela per sé:
porta dentro una forza che lo spinge a raccontare.
Andrea lo fa col primo che incontra.
Che sia suo fratello non è fatalità;
è solo l’occasione
perché si compiano i progetti del Signore
per il quale nulla avviene a caso.

parola di oggi per chi non ha il testo a portata di mano:

In quel tempo, Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.
Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa maestro –, dove dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio.
Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.