Categories: Parola del Giorno

7 dicembre 2013 – Sabato della 1a settimana di Avvento

Parola del giorno : “ Rivolgetevi piuttosto alle pecore perdute della casa d’ Israele.”

Vangelo del giorno Mt 9,35-38; 10,1.6-8  

Gesù sente compassione per le folle
che lo seguono per ascoltarlo e chiedere aiuto,
spesso per giorni e giorni
senza riposarsi.
Carica su di sé le loro storie
senza trascurare nessun loro dolore.
E per essere a tutti più vicino
Concede ai suoi discepoli gli stessi suoi poteri
sugli spiriti impuri e sulle malattie,
con la raccomandazione di rivolgersi
alle pecore perdute della casa di Israele.
Il campo potrà apparire limitato,
ma l’amore con cui operare è così grande
che, proprio come succedeva con Gesù,
nessuno dovrà sentirsi trascurato.

parola di oggi per chi non ha il testo a portata di mano:

In quel tempo, Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità.
Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».
Chiamati a sé i suoi dodici discepoli, diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità.
E li inviò ordinando loro: «Rivolgetevi alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date».