Categories: Parola del Giorno

12 agosto 2014 – Martedì – 19a settimana del Tempo Ordinario

Parola del giorno :“  …se … non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli.”

Vangelo del giorno:  Mt 18,1-5.10.12-14

La domanda dei discepoli mira alla grandezza;
la loro mente non è ancora permeata
dell’insegnamento di Gesù che, invece,
ribaltando le logiche del mondo,
per il regno che lui sta annunciando
indica una via.. totalmente altra.
Perché il suo discorso risulti chiaro a tutti,
Gesù chiama a sé un bambino
e, postolo nel mezzo, sotto il loro sguardo,
lo indica come modello da imitare,
anzi.. da diventare.
Perché questa è la condizione essenziale:
del regno può far parte solamente
chi si rende piccolo come lui.
Ed è una condizione che non permette sconti:
prendere o lasciare, altra scelta non è data.
Ma prima di lasciare proviamo a ricordare
che, almeno una volta nella vita,
bambini lo siamo stati tutti,
per cui non dovrebbe essere difficile.
Gesù stesso ne offre la via di sicurezza
nell’invito a convertirsi.
Lui lo pone all’inizio; ma si tratta di un lavoro
che deve accompagnarci fino all’ultimo respiro.

parola di oggi per chi non ha il testo a portata di mano:

In quel momento i discepoli si avvicinarono a Gesù dicendo: «Chi dunque è più grande nel regno dei cieli?».
Allora chiamò a sé un bambino, lo pose in mezzo a loro e disse:
«In verità io vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Perciò chiunque si farà piccolo come questo bambino, costui è il più grande nel regno dei cieli. E chi accoglierà un solo bambino come questo nel mio nome, accoglie me.
Guardate di non disprezzare uno solo di questi piccoli, perché io vi dico che i loro angeli nei cieli vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli.
Che cosa vi pare? Se un uomo ha cento pecore e una di loro si smarrisce, non lascerà le novantanove sui monti e andrà a cercare quella che si è smarrita? In verità io vi dico: se riesce a trovarla, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite. Così è volontà del Padre vostro che è nei cieli, che neanche uno di questi piccoli si perda».