Categories: Parola del Giorno

3 novembre 2014 – Lunedì – 31a settimana del Tempo Ordinario

Parola del giorno :“sarai beato perché non hanno da ricambiarti.”

Vangelo del giorno:  Lc 14,12-14   

Tra le beatitudini proposte dal vangelo
– e sono tante, disseminate qua là –
questa è una di quelle che, se compresa,
merita di essere amplificata;
soprattutto nel tempo in cui viviamo,
nel quale – viste le abitudini – appare anacronistica.
Se la beatitudine è la promessa di una gioia,
la molla che la crea, stando alle parole di Gesù,
è quella del donare che – quanto a gioia –
è ancora più efficace che il ricevere che, invece,
specialmente se lo si pretende,
diventa il suo più grande impedimento.
Gesù è molto esplicito
e vuole che sia chiaro proprio a tutti:
la gioia è promessa e assicurata
per chi investe i frutti del suo amore
su coloro dai quali sa già in partenza
che non potranno offrire alcuna ricompensa.
Chi ci crede, la gioia la sperimente nel suo cuore
mentre dona.

parola di oggi per chi non ha il testo a portata di mano:

In quel tempo, Gesù disse al capo dei farisei che l’aveva invitato:
«Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio.
Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti».