Categories: Parola del Giorno

20 febbraio 2015 – Venerdì dopo le Ceneri

Parola del giorno :“Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro?.

Vangelo del giorno: Mt  9,14-15    

La risposta è molto semplice: non possono.
Perché allora Gesù ha posto la domanda
se già sa che la risposta appare subito scontata?
Senza ricorrere alla retorica, si può dire
che Gesù ha risposto a una domanda con domanda
per far capire a coloro che lo interrogano
che, con un po’ di intelligenza e fantasia,
la risposta alla domanda che gli pongono
loro stessi sono in grado di trovarla.
È evidente che finché lui, che è lo Sposo,
sta insieme ai suoi discepoli il digiuno non ha senso
e la gioia di un dono così grande
chiede festa e comunione che il banchetto
rappresenta a meraviglia.
L’ascetismo non è sempre una virtù
soprattutto se anziché donare amore
si è pronti a criticare e a gridare allo scandalo
perché gli altri non si comportano come noi,
che magari ci sentiamo non diversi ma migliori.
Si capisce che c’è un tempo per ogni cosa.
Anche quello per riflettere tacendo e, soprattutto,
per evitare di giudicare.

parola di oggi per chi non ha il testo a portata di mano:

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?».
E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora digiuneranno».