Categories: Parola del Giorno

11 aprile 2015 – Sabato – 8a di Pasqua

Parola del giorno :li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore,...

Vangelo del giorno: Mc 16,9-15

Non c’è da meravigliarsi. Gli apostoli non credono
a quello che a loro ha riferito Maria di Magdala,
la donna dalla quale Gesù aveva cacciato dei demoni
e che ha avuto la fortuna di vederlo per prima da risorto,
di buon mattino, il giorno dopo il sabato.
D’altra parte, non credono neppure
ai due che nel pomeriggio di quello stesso giorno,
avevano abbandonato la città e lo hanno avuto
compagno di viaggio verso Emmaus,
riconoscendolo allo spezzar del pane.
Non perché non siano testimoni degni di fiducia,
ma perché quello che raccontano
umanamente ha dell’incredibile, se non dell’impossibile.
E davvero di credibile ci sarebbe ben poco,
se non fosse che Gesù li aveva avvertiti.
Per questo, quando Gesù apparirà a loro nel cenacolo
riceveranno un bel rimprovero; ma, nonostante tutto,
affiderà a loro una missione importantissima.
Perché Lui crede in loro!

 

 

parola di oggi per chi non ha il testo a portata di mano:

Risorto al mattino, il primo giorno dopo il sabato, Gesù apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva scacciato sette demòni. Questa andò ad annunciarlo a quanti erano stati con lui ed erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo e che era stato visto da lei, non credettero.
Dopo questo, apparve sotto altro aspetto a due di loro, mentre erano in cammino verso la campagna. Anch’essi ritornarono ad annunciarlo agli altri; ma non credettero neppure a loro.
Alla fine apparve anche agli Undici, mentre erano a tavola, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risorto. E disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura».

 

 

Mc 16,9-15