Categories: Parola del Giorno

3 luglio 2015 – Venerdì – San Tommaso Apostolo

Parola del giorno :“…non essere incredulo, ma credente!”

Vangelo del giorno: GV 20,24-29  

La pazienza e l’amore di Gesù suon infiniti.
Lo si capisce dalle scelte fatte, ma anche
da tanti suoi comportamenti, attenti e delicati
che superano ogni umana attesa.
Il suo rapporto con Tommaso è particolare.
Comprende la fatica del suo credere
e gli va incontro ccon pazienza e generosità
tornando per lui nel Cenacolo
otto giorni dopo l’apparizine agli altri apostoli
e gli si pone innanzi, pronto ad accontentare
una ad una tutte le sue richieste.
Davanti a tanta grazia, Tommaso
appare sconcertato e quasi si vergogna
per quello che ha preteso, ma Gesù
non gliene fa una colpa: pretende che lo tocchi
e gli raccomanda di non essere più incredulo.
Sa bene che quelle sue parole, così come
la beatitudine beati quelli che credono senza aver veduto
sarebbe in seguito servita
a tanti altri uomini e donne della terra.

parola di oggi per chi non ha il testo a portata di mano:

Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».