Categories: Parola del Giorno

20 aprile 2016 – Mercoledì – 4a settimana di Pasqua

Parola del giorno :“…chi vede me, vede colui che mi ha mandato

Vangelo del giorno: Gv 12,44-50 

Ha scritto un antico romano delle nostre parti
che l’amicizia o trova uguali oppure rende tali.
E capita anche a noi di constatare
che degli amici, man mano che si frequentano,
acquistano le stesse abitudini, fino ad assimilarsi
nel modo di parlare e di pensare.
A detta di Gesù, l’amore fa di più.
E quello che egli afferma a proposito del Padre
indica fino a che punto si riesca ad arrivare.
L’amore ha il potere di far di due una cosa sola,
fino al punto che – sia pure senza confondersi
e rimanendo ciascuno con la propria identità –
se uno vede l’uno è come se vedesse anche l’altro:
Gesù dice a ragione di essere col Padre una cosa sola,
perché lui pensa, dice e fa esattamente
quello che farebbe il Padre suo.
Oh, incredibile potenza dell’Amore!

parola di oggi per chi non ha il testo a portata di mano:

 

In quel tempo, Gesù esclamò:
«Chi crede in me, non crede in me ma in colui che mi ha mandato; chi vede me, vede colui che mi ha mandato. Io sono venuto nel mondo come luce, perché chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre.
Se qualcuno ascolta le mie parole e non le osserva, io non lo condanno; perché non sono venuto per condannare il mondo, ma per salvare il mondo.
Chi mi rifiuta e non accoglie le mie parole, ha chi lo condanna: la parola che ho detto lo condannerà nell’ultimo giorno. Perché io non ho parlato da me stesso, ma il Padre, che mi ha mandato, mi ha ordinato lui di che cosa parlare e che cosa devo dire. E io so che il suo comandamento è vita eterna. Le cose dunque che io dico, le dico così come il Padre le ha dette a me».