Categories: Parola del Giorno

24 giugno 2016 – Venerdì – Natività di San Giovanni Battista

Parola del giorno :Che sarà mai questo bambino?

Vangelo del giorno: Lc 1,57-66.80    

Nella casa di Zaccaria ed Elisabetta,
timorati del Signore ma lei sterile
ed entrambi avanti nell’età, è nato un figlio,
proprio come annunciato a Zaccaria.
Un miracolo, si dice, ma non basta,
perché il nome per lui scelto,
non ha nulla a che vedere
con il casato e le tradizioni familiari.
E ciò con grande meraviglia
dei parenti e dei presenti che si chiedono:
“Che sarà di questo bimbo?”.
Per noi che conosciamo la sua storia per intero
la risposta alla domanda non è difficile.
Più difficile potrà essere fare nostro ogni suo insegnamento
e lasciarci accompagnare dal suo esempio
per poter vivere anche noi in umiltà
e nella piena fedeltà al volere del Signore.

parola di oggi per chi non ha il testo a portata di mano:

Per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.
Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome».
Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All’istante si aprirono la sua bocca e la sua lingua, e parlava benedicendo Dio.
Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui.
Il bambino cresceva e si fortificava nello spirito. Visse in regioni deserte fino al giorno della sua manifestazione a Israele.