Categories: Verso la Domenica

5 Marzo 2017 – I Domenica di Quaresima – A

Verso la Domenica

suggerimenti per la preghiera comunitaria sul vangelo della Domenica

5 Marzo 2017 – I Domenica di Quaresima – A

Maria, donna del silenzio, abituata ad incontrare Dio
e a meditare nel tuo cuore le meraviglie che Lui solo sa produrre;
prendici per mano e conduci anche noi incontro al Padre,
riempi i nostri cuori della nostalgia del sacro,
suggeriscici le strategie migliori
ma, ti preghiamo, non lasciarci neanche un attimo
perché tu sola sai coniugare l’umano e il divino. Amen.

 

Vangelo di Mt 4,1-11

dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. Il tentatore gli si avvicinò e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ che queste pietre diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”».
Allora il diavolo lo portò nella città santa, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «Sta scritto anche: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».
Di nuovo il diavolo lo portò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e la loro gloria e gli disse: «Tutte queste cose io ti darò se, gettandoti ai miei piedi, mi adorerai». Allora Gesù gli rispose: «Vàttene, satana! Sta scritto infatti: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”».
Allora il diavolo lo lasciò, ed ecco degli angeli gli si avvicinarono e lo servivano.

Meditazione.

Gesù fu condotto dallo Spirito ….  per essere tentato dal diavolo

Non so voi, ma io credo di aver sempre ritenuto che lo Spirito Santo intervenga nella vita delle persone per donare discernimento e illuminare gli uomini su come comportarsi. Insomma … un aiuto divino per evitare guai e uscire da situazioni scabrose. Con questo passo devo prendere coscienza che lo Spirito può anche portarmi a tu per tu col diavolo. Può condurmi in un posto dove potrei cadere e lasciare che lì me la cavi da sola.

  

Se tu sei il Figlio di Dio

L’approccio è sottile: entrambi sanno bene quale è la natura di Gesù! Ma il bugiardo tentatore scopre così la sua prima carta: si avvicina come uno che ti conosce bene e usa i tuoi punti di forza per screditarti e dimostrare la tua debolezza.

 

Dì che queste pietre diventino pane

Di lì a poco, Gesù una cosa simile la farà: con cinque pani e due pesci sfamerà una moltitudine. Il diavolo sa bene che Gesù è in grado di farlo ma il Signore non ha bisogno di dimostrare proprio nulla e ci insegna che i miracoli servono solo quando possono portare beneficio a qualcuno. Ricordiamocene quando non vediamo accontentate le nostre richieste!

 

Tutte queste cose ti darò se mi adorerai

Stavolta il diavolo è quasi ridicolo: promette i regni della terra a Colui che li ha creati. L’inganno è sempre lo stesso; anche a noi promette gloria, potere e possesso, e noi ci caschiamo spesso. Non sempre siamo, infatti, in grado di ricordarci che solo col servizio possiamo guadagnare i beni più cari.

 

Sta scritto

Gesù sgomina tutte le tentazioni con frasi della scrittura. La sua, però, non è la conoscenza sterile di chi ha studiato e imparato, la sua è adesione piena a ciò che il Padre ha detto. Anche i farisei erano preparati ma non lo hanno saputo riconoscere perché si limitavano alla lettera e non conoscevano Dio. Se vogliamo essere buoni cristiani dobbiamo ricordarci di approfondire il nostro rapporto col Padre, sia con lo studio che con la…. frequentazione! Abbiamo davanti poco meno di quaranta giorni, approfittiamone per approfondire la Parola e avviciniamoci spesso ai Sacramenti, fermamente protesi ad attuare una conversione vera e definitiva come ci chiedeva il nostro vescovo nella celebrazione di ieri, mercoledì delle ceneri.

  

 Preghiera

 

Perchè vincer le tentazioni mie?
Esse son belle e della vita un vanto;
mangiare, comandare, possedere,
è tutto ciò che il cuore chiede.

Lo fanno tutti,
poveri affamati e ricchi mai contenti
vivon per questo e
se Dio c’è a questo serve.

È pensiero inconfessato.
È idolatria di sempre
da Adamo ad oggi e domani ancora
la tentazione ritorna
dolce, suadente, continua.

Basta guardarsi intorno,
è continuo il sì al tentatore.

Che almeno la Tua Chiesa
gli resista, Signore Gesù. Amen!