Categories: Parola del Giorno

22 aprile 2017 – Sabato – 8a di Pasqua

Parola del giorno :“Ma essi… non credettero”

Vangelo del giorno: Mc 16,9-15        

I vangeli sembrano fatti apposta per “giocare”
con la loro fede. In tante occasioni,
a cominciare dal miracolo di Cana,
si sottolinea che credettero in Gesù, mentre altre volte
Gesù addirittura li rimprovera per la loro poca fede.
I racconti del dopo risurrezione stanno lì a far notare
la fatica che essi fanno per ravvivare quella fede,
tante volte dichiarata, che appare totalmente cancellata
dagli eventi della passione e della crocifissione.
In questo caso, però, a primo impatto,
sembra che ad impedire il loro credere,
ancor più di quel che dice,
sia il fatto che non ritengono credibile la donna
che racconta di averlo visto e afferma che egli è vivo.
Quando l’umano non collabora,
anche la fede ne risente e si affatica.

parola di oggi per chi non ha il testo a portata di mano:

Risorto al mattino, il primo giorno dopo il sabato, Gesù apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva scacciato sette demòni. Questa andò ad annunciarlo a quanti erano stati con lui ed erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo e che era stato visto da lei, non credettero.
Dopo questo, apparve sotto altro aspetto a due di loro, mentre erano in cammino verso la campagna. Anch’essi ritornarono ad annunciarlo agli altri; ma non credettero neppure a loro.
Alla fine apparve anche agli Undici, mentre erano a tavola, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risorto. E disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura».