Categories: Parola del Giorno

18 giugno 2017 – Domenica – Corpus Domoni – A

Parola del giorno :io lo risusciterò nell’ultimo giorno

Vangelo del giorno: Gv 6,51-58                    

È volontà del Padre e Gesù ce l’ha comunicata
che chiunque mangia il suo corpo e beve il suo sangue
avrà la vita eterna. Venuto nel mondo
a ridonar la vita perduta col peccato,
Gesù l’ha fatto in un modo inimmaginabile per l’uomo:
morendo sulla croce e dando il suo corpo da mangiare.
Neppure Dio ha saputo trovar modo migliore
perché potessimo capire la grandezza del suo Amore.
Per quanto camminiamo nella storia
e tra le fragilità di questo mondo – che lui ben conosce –
l’Amore del buon Dio non ci lascia un istante;
anzi, ci nutre e ci sostiene fino a quando
il suo progetto troverà il compimento
nella risurrezione che lui stesso un dì darà a tutti.
A noi chiede di crederlo
e di mangiare il suo corpo e bene il suo sangue.
Mantenendo sempre aperta la speranza
e bussando con fiducia al suo cuore,
sicuri di trovarlo spalancato,
pronto a donarci grazia e misericordia.

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo.

Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».
Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?».
Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete
il suo sangue, non avete in voi la vita.
Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno.
Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda.
Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui.
Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me.
Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono.
Chi mangia questo pane vivrà in eterno».