Categories: Parola del Giorno

23 Ottobre 2017 – Lunedì – 29a settimana del Tempo Ordinario

Parola del giorno :“Tenetevi lontani da ogni cupidigia

Vangelo del giorno: Lc 12,13-21           

Se già il denaro, che di per sé è cosa buona,
usato male può creare notevoli problemi e, molto spesso
la perdita della tranquillità, per cui è bene
farne un uso oculato e responsabile,
la cupidigia può essere un pericolo mortale;
per questo Gesù, cogliendo l’occasione
dell’uomo dalla folla che lo interroga,
da essa mette in guardia tutti, e con fermezza,
e con la parabola ne smaschera
il suo terribile e diabolico potere accecante.
Offuscando lentamente lo sguardo verso gli altri
spinge a concentrarsi totalmente su se stessi,
fino a cancellare amicizie e parentele
e a confondere l’eredità, che è un dono ricevuto,
con una proprietà già posseduta
chissà per quale subdola ragione
e finendo per dimenticare l’amore che c’è dietro
e la fraternità che è il dono più grande tra gli eredi.
Se da una parte Gesù sembra non volersi immischiare,
dall’altra, però, è molto chiaro nell’indicare
che la miglior cosa è starci alla larga il più possibile,
perché, se si comincia a coltivarla, anche per diletto,
la cupidigia, insieme alle amicizie e agli affetti,
finisce per condurre nella follia dell’io.

Dal Vangelo secondo Luca:

In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità». Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?». E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede». Poi disse loro una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così – disse –: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”.
Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio».