Categories: Parola del Giorno

27 Aprile 2019 – sabato – 8a di Pasqua

Parola del giorno: “Alla fine apparve anche agli Undici, mentre erano a tavola, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore”

Vangelo del giorno: Mc 16,9-15

Dal Vangelo secondo Marco

Risorto al mattino, il primo giorno dopo il sabato, Gesù apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva scacciato sette demòni. Questa andò ad annunciarlo a quanti erano stati con lui ed erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo e che era stato visto da lei, non credettero.
Dopo questo, apparve sotto altro aspetto a due di loro, mentre erano in cammino verso la campagna. Anch’essi ritornarono ad annunciarlo agli altri; ma non credettero neppure a loro.
Alla fine apparve anche agli Undici, mentre erano a tavola, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risorto. E disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura».


Ci sorprende un po’ la posizione degli undici apostoli,
che non si convincono della resurrezione, e non credono,
né alla parola di Maria di Magdala, né ai due di Emmaus.
Tutti come Tommaso: se non vedono, non credono.
E Gesù, quando appare loro, li rimprovera,
perché in quanto a fede stanno proprio a zero.
In questa stranezza però un lato positivo lo troviamo:
non l’hanno fatta facile, e in fondo
in questo modo incoraggiano anche noi,
dandoci la prova che credere alla resurrezione
non è questione da poco, e non basta il racconto altrui:
bisogna coinvolgersi personalmente e farne esperienza,
riconoscendo sulla propria carne l’impronta
di un incontro fatto di luce e misericordia,
che incanta e invia a proclamare la gioia del Vangelo
ad ogni creatura sotto il cielo.
Il rimprovero può anche starci tutto,
ma a condizione che Gesù – anche con noi –
manifesti la stessa comprensione che ha avuto
con i discepoli. Perché credere non è una cosa facile.
E quando c’è ed è vera, bisogna ringraziare Dio
per il dono della fede e tutto l’aiuto che non ci fa mancare.