Categories: Parola del Giorno

11 Maggio 2019 – Sabato – 3a settimana di Pasqua

Parola del giorno: “Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui”

Vangelo del giorno: Gv 6,60-69

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, molti dei discepoli di Gesù, dopo aver ascoltato, dissero: «Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?».
Gesù, sapendo dentro di sé che i suoi discepoli mormoravano riguardo a questo, disse loro: «Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima? È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che io vi ho detto sono spirito e sono vita. Ma tra voi vi sono alcuni che non credono».
Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E diceva: «Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre».
Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui. Disse allora Gesù ai Dodici: «Volete andarvene anche voi?». Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio».


Dopo il lungo discorso fatto a seguito del miracolo
dei pani e dei pesci, moltiplicati per saziare
una straordinaria moltitudine, durante il quale Gesù
offre se stesso come cibo da magiare
per avere la vita eterna,
che qualcosa andasse storto c’era da aspettarselo.
Molti, infatti, se ne vanno e tornano indietro,
anche se Gesù in un’altra occasione
aveva avvisato tutti che chi mette mano all’aratro
e poi si volge indietro, non è adatto a seguirlo.
È proprio così: seguire Gesù quando le cose sono facili,
quando la chiarezza si sposa con la leggerezza,
è cosa per chiunque. Ma se ci si trova
davanti alla proposta di nutrirsi di lui,
bevendo il suo sangue e mangiando il suo corpo,
questo no, è una proposta troppo forte da comprendere;
disorienta e la volontà – soprattutto quella di chi ha
idee tutte sue di come vivere il rapporto con Dio –
si rifiuta di accettarla: è più facile prendere le distanze.
Il bello è che Gesù non impone nulla, ma semplicemente
insiste molto per far capire che la fede porta a questo.
Anche davanti ai molti che lo abbandonano
non avrebbe aggiunto nulla se non fosse stato
provocato dal vedere l’incertezza dei discepoli.
Ma dobbiamo ringraziarli perché proprio questo ha fatto si’
che ci fosse una chiarezza e provocazione anche per noi.