Categories: Oasi, Parola del Giorno

MEDITANDO CON IL CALENDARIO DELL’OASI – Giovedì – 26a settimana del Tempo Ordinario

Parola del giorno: “Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi”


Vangelo del giorno: Lc 10,1-12

Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”. Ma quando entrerete in una città e non vi accoglieranno, uscite sulle sue piazze e dite: “Anche la polvere della vostra città, che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate però che il regno di Dio è vicino”. Io vi dico che, in quel giorno, Sòdoma sarà trattata meno duramente  di quella città».                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

Andate. La parola non lascia spazio a equivoci.

E chi avesse capito che stando dietro a Gesù possa godersela

perché è interessante quel che dice e quel che fa

al punto che tanta gente gli sta dietro

– e questa è già una gran soddisfazione – deve ricredersi.

Gesù non chiama a seguirlo per tenere insieme a se,

ma per mandare. E quel che maggiormente fa pensare

è che si è inviati come agnelli in mezzo ai lupi,

senza assicurazione di successo,

con tanto di istruzioni dettagliate; e per di più

non per tornare subito da lui,

ma per restare nella città in cui si è accolti

e lì annunciare che il regno è vicino.

Andare è la prima condizione della sequela,

perché si possa compiere per bene la missione.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

OGNI GIORNO LA PAROLA PER LA VITA
se vuoi ricevere ogni giorno la parola dell’Oasi riempi il modulo qui sotto: