Categories: Oasi, Parola del Giorno

MEDITANDO CON IL CALENDARIO DELL’OASI – Martedì – IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA B. V. MARIA

Parola del giorno: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio”

 

Vangelo del giorno: Lc 1,26-38

 

Dal vangelo secondo Luca
In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo:
«Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

 

Parole rassicuranti per l’angelo che sa da dove viene

e Chi lo ha mandato, e ora cerca di mettercela tutta

per “riparare” il danno procurato con quanto ha appena detto.

Ma non ha alcuna colpa perché sicuramente quel che ha fatto

è quanto gli era stato comandato.

Ha salutato con l’invito a rallegrarsi e poi ha aggiunto

– come fosse un nome nuovo – per quanto sia pura realtà:

“Piena di grazia” e subito ha aggiunto: “il Signore è con te”.

Ha detto tutto con queste due battute

delle quali forse lui neppure comprendeva il senso,

e visto il turbamento della giovane fanciulla, corre ai ripari

e la rassicura usando il suo nome come fa un conoscente.

L’incontro va avanti con altre parole, domanda e chiarimenti;

ma fermarsi qui e contemplare l’angelo

che – anche lui trepidante – fa da ponte tra la terra e il cielo

è già un incanto capace di sospenderci il respiro,

prima ancora di lasciarsi trascinare nel mistero.

Lasciamo a lui di raccogliere quel sì

che sulle labbra di Maria esce pieno verso Dio,

perché porta tutto l’amore del suo cuore.

E noi riamiamo a contemplare, e a preparare il nostro.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             

OGNI GIORNO LA PAROLA PER LA VITA
se vuoi ricevere ogni giorno la parola dell’Oasi riempi il modulo qui sotto: