Categories: Oasi, Parola del Giorno

MEDITANDO CON IL CALENDARIO DELL’OASI – 4a DOMENICA DI AVVENTO B

Parola del giorno:  “Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola»”

Vangelo del giorno: Lc 1,26-38


Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo.
L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo:
«Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola».
E l’angelo si allontanò da lei».

 

Con questa sua risposta Maria chiude l’incontro,

ma nello stesso tempo apre alla volontà di Dio tutta se stessa.

E l’angelo – uno dei più vicini a Dio – che però

non conosceva nulla del mistero e, per questo,

non capiva l’importanza di questa sua risposta,

conclude i suo mandato correndo a riferire a Dio

l’adesione consegnatagli da Maria.

Per quello che ha potuto, è stato all’altezza della situazione:

ha salutato la giovane fanciulla invitandola alla gioia

e subito l’ha tranquillizzata per il suo turbamento.

Quindi, davanti alla sua proposta – che a Maria

appare impossibile, dati i suoi pensieri

e progetti condivisi con Giuseppe –

risponde di non preoccuparsi perché all’impossibile

penserà Dio stesso.

È quando è bastato a Maria di sapere

per consegnagli l’Eccomi

che ora lui corre a riferire a Dio.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           

OGNI GIORNO LA PAROLA PER LA VITA
se vuoi ricevere ogni giorno la parola dell’Oasi riempi il modulo qui sotto: