Categories: Oasi, Parola del Giorno

MEDITANDO CON IL CALENDARIO DELL’OASI – Sabato – prima dell’Epifania

Parola del giorno:  “a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo”

Vangelo del giorno: Gv 1,19-28


Dal Vangelo secondo Giovanni
Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e levìti a interrogarlo: «Tu, chi sei?». Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo». Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elìa?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il profeta?». «No», rispose. Gli dissero allora: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». Rispose: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaìa».
Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elìa, né il profeta?». Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell’acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, colui che viene dopo di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo».
Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.

 

Una testimonianza, quella di Giovanni,

che risulterà preziosa in ogni tempo, ma anche

in ogni condizione e situazione della vita di chiunque.

Nel ricordo del Natale abbiamo contemplato,

forse anche con qualche palpito di commozione, la scelta di Gesù

di nascere nella povertà e nel nascondimento più assoluto;

ma, se davvero, lo abbiamo fatto nascere

nel nostro cuore e nella nostra vita, Gesù attende

da ciascuno un cambiamento che sappia fare i conti

con la sua presenza perché, con lui nel cuore,

tutto cambia e acquista senso dalla sua persona.

Anche in questo Giovanni il Battista può esserci maestro.

Interrogato, dice ciò che è e ciò che fa,

senza lasciarsi disorientare da ciò che chi altri pensano di lui.

E nei confronti di Gesù afferma chiaramente

che tutto quello che sta facendo – come tutta la sua vita –

è orientato a lui, del quale si dichiara servo

indegno persino di toccare i suoi calzari.

E intanto, fedelmente, dice ed opera

secondo la divina volontà.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           

OGNI GIORNO LA PAROLA PER LA VITA
se vuoi ricevere ogni giorno la parola dell’Oasi riempi il modulo qui sotto: