Categories: Oasi, Parola del Giorno

MEDITANDO CON IL CALENDARIO DELL’OASI – 3a DOMENICA DI QUARESIMA B

Parola del giorno:  “Egli infatti conosceva quello che c’è nell’uomo”

Vangelo del giorno: Gv 2,13-25


Dal Vangelo secondo Giovanni
Si avvicinava la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme.
Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete.
Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!». I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: «Lo zelo per la tua casa mi divorerà».
Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?».
Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». Gli dissero allora i Giudei:
«Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?». Ma egli parlava del tempio del suo corpo. Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù.
Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome. Ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti e non aveva bisogno che alcuno desse testimonianza sull’uomo. Egli infatti conosceva quello che c’è nell’uomo.

 

 

Molto interessante questa annotazione conclusiva.

Considerando che è Gesù il soggetto di cui si parla

c’è da fidarsi – vorrei aggiungere – ciecamente.

Se è così, riflettiamo su quello che succede:

ci fidiamo di colui che non si fida

e proprio questo è ancora più interessante

perché ci fidiamo della parola di Gesù.

Ed è giusto che sia cosi perché a fiducia

ha a che fare con la fede, e la fede

ha bisogno di fiducia altrimenti non sta in piedi.

Non è un gioco di parole ma è pura verità.

E la verità è proprio quella che ci lascia a riflettere,

perché la fede non è quella che si dice a parole,

ma vuole i fatti. E i fatti sono questi:

molte persone che lo ascoltano manifestano di credere

non per ciò che Gesù ha detto ma per i miracoli che ha fatto.

Gesù sa bene che si tratta di una fede interessata,

molto blanda e poco seria che alla prima difficoltà

come fiammella al primo vento verrà spenta.

Qui Gesù è stato chiaro e con lui non si bara!

Impariamo da Gesù!

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

OGNI GIORNO LA PAROLA PER LA VITA
se vuoi ricevere ogni giorno la parola dell’Oasi riempi il modulo qui sotto: