Categories: Oasi, Parola del Giorno

MEDITANDO CON IL CALENDARIO DELL’OASI – Lunedì – 4a settimana di quaresima

Parola del giorno:  “Se non vedete segni e prodigi, voi non credete”

Vangelo del giorno: Gv 4,43-54


Dal Vangelo secondo Giovanni
In quel tempo, Gesù partì [dalla Samarìa] per la Galilea. Gesù stesso infatti aveva dichiarato che un profeta non riceve onore nella propria patria. Quando dunque giunse in Galilea, i Galilei lo accolsero, perché avevano visto tutto quello che aveva fatto a Gerusalemme, durante la festa; anch’essi infatti erano andati alla festa.
Andò dunque di nuovo a Cana di Galilea, dove aveva cambiato l’acqua in vino. Vi era un funzionario del re, che aveva un figlio malato a Cafàrnao. Costui, udito che Gesù era venuto dalla Giudea in Galilea, si recò da lui e gli chiedeva di scendere a guarire suo figlio, perché stava per morire.
Gesù gli disse: «Se non vedete segni e prodigi, voi non credete». Il funzionario del re gli disse: «Signore, scendi prima che il mio bambino muoia». Gesù gli rispose: «Va’, tuo figlio vive». Quell’uomo credette alla parola che Gesù gli aveva detto e si mise in cammino.
Proprio mentre scendeva, gli vennero incontro i suoi servi a dirgli: «Tuo figlio vive!». Volle sapere da loro a che ora avesse cominciato a star meglio. Gli dissero: «Ieri, un’ora dopo mezzogiorno, la febbre lo ha lasciato». Il padre riconobbe che proprio a quell’ora Gesù gli aveva detto: «Tuo figlio vive», e credette lui con tutta la sua famiglia.
Questo fu il secondo segno, che Gesù fece quando tornò dalla Giudea in Galilea.

 

 

 

Non è il massimo che possa ottenere Gesù dai suoi ascoltatori

nel campo della fede che lui cerca di purificare

e di farla diventare sempre di più basata sulla sua parola

e sull’esempio che lui dà e non sui miracoli

– o “segni” come li chiama questo evangelista –

e intanto però, davanti alla richiesta dei pagani

si manifesta sempre pronto ad esaudirli,

scoprendo e talvolta evidenziando la loro fede genuina

Non così, invece, quando ha a che fare

con gli scribi e i farisei a lui ostili per partito preso

e spesso lo accostano con falsità e doppiezza.

Probabilmente, a muovere Gesù a compassione,

in questo caso avranno anche influito

il fatto che quell’uomo fosse un padre

che gli presenta la richiesta in tutta umiltà

mostrando subito la sua fiducia in lui

e soprattutto la fede che prontamente quel padre manifesta

tornando a casa sua senza insistere perché anche Gesù vada,

fidandosi della sua promessa: “Va’ tuo figlio vive!”.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

OGNI GIORNO LA PAROLA PER LA VITA
se vuoi ricevere ogni giorno la parola dell’Oasi riempi il modulo qui sotto:



    %d Notizieger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: