Categories: Oasi, Parola del Giorno

MEDITANDO CON IL CALENDARIO DELL’OASI – Martedì – 4a settimana di quaresima

Parola del giorno:  “Signore, non ho nessuno che mi immerga nella piscina …”

Vangelo del giorno: Gv 5,1-16


Dal Vangelo secondo Giovanni
Ricorreva una festa dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. A Gerusalemme, presso la porta delle Pecore, vi è una piscina, chiamata in ebraico Betzatà, con cinque portici, sotto i quali giaceva un grande numero di infermi, ciechi, zoppi e paralitici.
Si trovava lì un uomo che da trentotto anni era malato. Gesù, vedendolo giacere e sapendo che da molto tempo era così, gli disse: «Vuoi guarire?». Gli rispose il malato: «Signore, non ho nessuno che mi immerga nella piscina quando l’acqua si agita. Mentre infatti sto per andarvi, un altro scende prima di me». Gesù gli disse: «Àlzati, prendi la tua barella e cammina». E all’istante quell’uomo guarì: prese la sua barella e cominciò a camminare.
Quel giorno però era un sabato. Dissero dunque i Giudei all’uomo che era stato guarito: «È sabato e non ti è lecito portare la tua barella». Ma egli rispose loro: «Colui che mi ha guarito mi ha detto: “Prendi la tua barella e cammina”». Gli domandarono allora: «Chi è l’uomo che ti ha detto: “Prendi e cammina”?». Ma colui che era stato guarito non sapeva chi fosse; Gesù infatti si era allontanato perché vi era folla in quel luogo.
Poco dopo Gesù lo trovò nel tempio e gli disse: «Ecco: sei guarito! Non peccare più, perché non ti accada qualcosa di peggio». Quell’uomo se ne andò e riferì ai Giudei che era stato Gesù a guarirlo. Per questo i Giudei perseguitavano Gesù, perché faceva tali cose di sabato.

 

 

 

Mettiamoci nei panni di quell’uomo!

Lo so, non sarà facile, a meno che non ci limitiamo

a un puro esercizio ‘letterario’ o poco più.

E allora di parole forse ne verrebbero anche tante.

Facciamolo prendendo un po’ di tempo per rileggere il testo

e se ci sentiamo pronti a rimboccarci un po’ le maniche.

Diversamente quell’uomo sarà lì ancora anni ad aspettare.

Immagino di già le difficoltà; la prima:

“Ma io che cosa posso fare? Mica sono Gesù?”.

E la seconda: “…e poi la piscina sta lontano!”.

Lasciamo perdere le altre – di scuse ne troveremmo tante…-;

chiudiamo gli occhi e mettiamoci in ascolto. Soprattutto

ascoltiamo il profondo di noi stessi e cerchiamo se,

tra i nostri conoscenti, c’è qualcuno che possa dire:

“Signore, non ho nessuno”.

E se vogliamo che Gesù risponda loro prontamente,

come lui sa fare e come fece quel giorno,

pensiamo che in questo istante noi siamo Gesù per loro

e non diamoci pace finché non avremo fatto quello che possiamo,

fosse anche una carezza telefonica, se altro proprio non si può,

per aiutarli a prendere il lettuccio.

Al resto pensa Dio!

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

OGNI GIORNO LA PAROLA PER LA VITA
se vuoi ricevere ogni giorno la parola dell’Oasi riempi il modulo qui sotto:



    %d Notizieger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: