Categories: Oasi, Parola del Giorno

MEDITANDO CON IL CALENDARIO DELL’OASI – Venerdì Santo – IN PASSIONE DOMINI

Parola del giorno:  “… il calice che il Padre mi ha dato, non dovrò berlo?”

 Vangelo del giorno: Gv 18,1-19,42


Passione di nostro Signore Gesù Cristo secondo Giovanni
– Catturarono Gesù e lo legarono
In quel tempo, Gesù uscì con i suoi discepoli al di là del torrente Cèdron, dove c’era un giardino, nel quale entrò con i suoi discepoli. Anche Giuda, il traditore, conosceva quel luogo, perché Gesù spesso si era trovato là con i suoi discepoli. Giuda dunque vi andò, dopo aver preso un gruppo di soldati e alcune guardie fornite dai capi dei sacerdoti e dai farisei, con lanterne, fiaccole e armi. Gesù allora, sapendo tutto quello che doveva accadergli, si fece innanzi e disse loro: «Chi cercate?». Gli risposero: «Gesù, il Nazareno». Disse loro Gesù: «Sono io!». Vi era con loro anche Giuda, il traditore. Appena disse loro «Sono io», indietreggiarono e caddero a terra. Domandò loro di nuovo: «Chi cercate?». Risposero: «Gesù, il Nazareno». Gesù replicò: «Vi ho detto: sono io. Se dunque cercate me, lasciate che questi se ne vadano», perché si compisse la parola che egli aveva detto: «Non ho perduto nessuno di quelli che mi hai dato». Allora Simon Pietro, che aveva una spada, la trasse fuori, colpì il servo del sommo sacerdote e gli tagliò l’orecchio destro. Quel servo si chiamava Malco. Gesù allora disse a Pietro: «Rimetti la spada nel fodero: il calice che il Padre mi ha dato, non dovrò berlo?».

 

 

 

Mentre Simon Pietro, vista la mala parata,

per difenderlo mette mano alla spada

e taglia il lobo dell’orecchio di uno dei presenti,

il servo del sommo sacerdote,

Gesù, che ha già deciso di consegnarsi

perché la sua vita – lo aveva detto –

nessuno gliela toglie ma è lui che la dà,

interviene su di lui ordinandogli

di mettere da parte la spada,

perché la spada serve solo a fare il male

mentre lui – e qui ne offre la conferma –

è venuto per fare la volontà del Padre,

anche se si tratta in una scelta

che gli costerà tanta amarezza e dolore.

Resta vero, però, che la salvezza

Non si offre con la spada ma con l’amore.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

OGNI GIORNO LA PAROLA PER LA VITA
se vuoi ricevere ogni giorno la parola dell’Oasi riempi il modulo qui sotto: