Categories: Oasi, Parola del Giorno

MEDITANDO CON IL CALENDARIO DELL’OASI – Lunedì – 15a settimana del Tempo Ordinario

Parola del giorno:  “… chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà”

Vangelo del giorno: Mt 10,34-11,1


Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: «Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l’uomo da suo padre e la figlia da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.
Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me. Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.
Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato. Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto. Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».
Quando Gesù ebbe terminato di dare queste istruzioni ai suoi dodici discepoli, partì di là per insegnare e predicare nelle loro città.

 

 

 

Vivere con Gesù è un’ avventura

piena di meraviglia e di soprese.

Si parte con un che, per quanto piccolo, è già grande

se radicato direttamente nel suo cuore.

Si vive in crescita, di giorno in giorno, senza far rumore,

addirittura senza neppure accorgersene

perché il bene che si fa e il progresso

all’occhio umano rimangono nascosti.

Si vince sempre anche quando

agli altri può sembrare che si sia sconfitti.

Con lui si gioca in perdita:

si regna senza comandare ma servendo

e per esser primi bisogna gareggiare a farsi ultimi.

Si punta al massimo, senza, però, che nulla si possieda

e, sorprendentemente, la vita stessa si avrà in pienezza

solo quando la si sarà donata

– apparentemente persa per causa sua –

perché è donando che si riceve e morendo come il seme

si porteranno frutti senza firma che hanno per nome Amore,

che solo Dio conosce e custodisce in cielo,

dove nulla e nessuno può distruggerli

in attesa di tenerci felici per sempre

insieme a lui che è l’eterno Amore.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     

OGNI GIORNO LA PAROLA PER LA VITA
se vuoi ricevere ogni giorno la parola dell’Oasi riempi il modulo qui sotto: