Categories: Oasi, Parola del Giorno

MEDITANDO CON IL CALENDARIO DELL’OASI –  Giovedì – 20a settimana del Tempo Ordinario

Parola del giorno:  “Amico, come mai sei entrato qui senza l’abito nuziale?”

Vangelo del giorno: Mt 22,1-14

Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù, riprese a parlare con parabole [ai capi dei sacerdoti e ai farisei] e disse: «Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire. Mandò di nuovo altri servi con quest’ordine: “Dite agli invitati: Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!”.
Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città. Poi disse ai suoi servi: “La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze”. Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali.
Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l’abito nuziale. Gli disse: “Amico, come mai sei entrato qui senza l’abito nuziale?”. Quello ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: “Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”. Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti».

 

Furbetto: infiltrato che pensava di farla franca? Costretto

all’ultimo momento e dunque non ha fatto in tempo

a preparare o indossare l’abito nuziale?

Sta di fatto che agli occhi del re,

che passa per vedere e salutare i commensali,

interrogato, ammutolisce.

È entrato a un banchetto di nozze

– il cui distintivo dovrebbe essere

la gioia e il clima quello della festa –

e, lui probabilmente, se ne sta in un angolo,

a mangiare tutto solo, ignorando tutti

e senza stabilire relazioni con nessuno,

con lo sguardo spento e il volto triste,

come se quello fosse per lui solamente

un momento per riempire il suo ventre.

Potremmo anche pensare che i servi non o abbiano istruito

e che nessuno dei commensali lo abbia stimolato e aiutato;

ma il fatto che non abbia parole per giustificarsi

fa pensare ad altro.

E comunque fa interrogare.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     

OGNI GIORNO LA PAROLA PER LA VITA
se vuoi ricevere ogni giorno la parola dell’Oasi riempi il modulo qui sotto: