Categories: Oasi, Parola del Giorno

MEDITANDO CON IL CALENDARIO DELL’OASI – 5a DOMENICA DI PASQUA B

Parola del giorno:  “Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto”

Vangelo del giorno: Gv 15,1-8


Dal Vangelo secondo Giovanni
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto.
Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci.
Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano.
Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto.
In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

 

 

 

Lo sa già Gesù e ne è certo, di certezza assoluta,

che chi rimane in lui porta molto frutto;

ma avendo usato l’immagine della vite, che è lui,

mentre tutti noi siamo i tralci, sa anche

che quei tralci debbono essere potati.

Prima ancora di dircelo Gesù ci assicura

che l’agricoltore è il Padre in quale,

proprio come ha fatto e fa con lui, sa bene quel che fa

e, se anche noi ci fidiamo, i frutti saranno assicurati.

Su un fatto solo bisogna però riflettere ancora

e cioè che i tralci senza la vite non possono stare

e per portare frutti in abbondanza è necessario

che vengano potati, anche se la potatura può far male:

un po’ di meno se viene fatta nei tempi giusti..

Difficile spiegarlo a chi non conosce le leggi della vigna;

più facile però è far capire che ad essere potata

in realtà è la vite, in quella parte che si chiama tralcio.

Inevitabilmente il tralcio deve essere potato,

ma se sta il più vicino possibile alla vite,

il pezzo che rimane diventa più robusto

e produce altri tralci che porteranno frutto.

E se glielo permettiamo,

il Padre conosce bene il tempo giusto per ciascuno.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

OGNI GIORNO LA PAROLA PER LA VITA
se vuoi ricevere ogni giorno la parola dell’Oasi riempi il modulo qui sotto: