Categories: Parola del Giorno

24 maggio 2017 – Mercoledì – 6a settimana di Pasqua

Parola del giorno :“non siete capaci di portarne il peso”

Vangelo del giorno: Gv 16,12-15      

Quasi tre anni insieme a lui e ancora
Gesù non trova i suoi discepoli capaci
di ricevere tutto quello che avrebbe voluto rivelare loro.
Fra poche ore sulla croce dirà: “Tutto è compiuto”;
e, in realtà, lui già ha rivelato il Padre totalmente.
Eppure ritiene – e lo confida –  che c’è un peso che ancora
non loro riescono a portare e per il quale
annuncia – e quasi invoca – l’arrivo dello Spirito.
Probabilmente sarà che gli apostoli
non riescono a capire perché l’amore
debba passare per la Croce e il perdono costare così caro.
Oppure, più semplicemente,
perché la mente è pronta, ma il loro cuore ancora no.
Per comprendere la Verità di Dio – che è amore –
anche per loro non basta la ragione,
fosse anche sostenuta dalla volontà;
bisogna usare il cuore che, unico, è capace
di sfidare ogni difficoltà.
Per questo Gesù che, in quanto Parola del Dio vivo
ha rivelato tutto, avendo ancora da affrontare
con il dono della sua vita, l’atto supremo dell’amore,
in obbedienza al Padre, e conoscendo le loro difficoltà,
rimette tutto nelle mani dello Spirito Consolatore
che attingendo dalla sua comunione con il Padre
ricorderà le cose che hanno visto e udito
e, riscaldando i loro cuori, li aiuterà.

Dal Vangelo secondo Giovanni

In  quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.
Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.
Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».