Categories: Oasi, Parola del Giorno

MEDITANDO CON IL CALENDARIO DELL’OASI –  Giovedì – 26a settimana del Tempo Ordinario

Parola del giorno:  “… guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”.”

Vangelo del giorno: Lc 10,1-12

 

Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”. Ma quando entrerete in una città e non vi accoglieranno, uscite sulle sue piazze e dite: “Anche la polvere della vostra città, che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate però che il regno di Dio è vicino”. Io vi dico che, in quel giorno, Sòdoma sarà trattata meno duramente di quella città».

 

 

 

Siamo davanti all’esperienza di una missione allargata.

Il numero dei missionari è cresciuto,

ma vanno sempre a due a due e le istruzioni sono le stesse.

Non si tratta di ordini da parte di Gesù,

ma soltanto di indicazioni, o meglio: di consegne

da valorizzare all’occasione e da attutare fedelmente,

in umiltà e profonda sintonia con lui e tra di loro.

Perché  solo con questo ‘metodo’

– dal saluto alle parole dell’annuncio,

dalla gioia dell’accoglienza alla tristezza per il rifiuto

e al gesto dello scuotimento della polvere –

tutto può concorre al bene, e diventare

provocazione per la conversione

e contributo alla salvezza.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              

OGNI GIORNO LA PAROLA PER LA VITA
se vuoi ricevere ogni giorno la parola dell’Oasi riempi il modulo qui sotto: